Mese: giugno 2018

IN/Bacheca

IN/Arch Piemonte ha promosso il 12 giugno scorso, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, il primo appuntamento del ciclo di iniziative SCANDAGLI, una proposta di collaborazione e confronto per aprire nuovi scenari di trasformazione e costituire modelli di cambiamento capaci di propagarsi e consolidarsi. Negli articoli che seguono alcune considerazioni e la traccia del programma di lavoro. Intanto procedono le nostre iniziative sul territorio piemontese: Il 26 maggio IN/Arch Piemonte ha firmato per il rilancio della Carta Etica dello Sport in Piemonte, promosso dall’omonima Associazione insieme a Regione Piemonte e ai Comuni piemontesi. In programma anche un premio di architettura per lo sport....

Read More

Rigenerare la montagna: l’adattabilità dei territori

Il grande problema dei nostri territori montani, come hanno drammaticamente dimostrato gli incendi dello scorso ottobre, è costituito dallo spopolamento, dall’incuria, da un modello prevalente di turismo sportivo indifferente ai reali interessi e vocazioni dei territori e delle comunità̀ in cui si insedia. Occorre pensare a politiche radicalmente nuove, indirizzate a invertire processi ormai fortemente consolidati, per soddisfare bisogni di nuovi modelli di vita e di lavoro orientati alla solidarietà̀ e al rispetto della natura, che potrebbero tra l’altro contribuire a decongestionare le grandi conurbazioni in crisi e forse anche suggerire una parziale soluzione al problema della accoglienza. L’iniziativa...

Read More

EVENTI

E’ comparsa nella cronaca cittadina di la Repubblica del 18 giugno 2018 la seguente notizia: Show nelle piazze auliche, è scontro fra Sindaca e Soprintendenza. Appendino difende il villaggio contadino di Coldiretti ai Giardini reali. Papotti: “Non ho visto alcun progetto”. É una questione ormai ricorrente, quella delle manifestazioni di massa collocate negli spazi aulici del centro urbano, che si ripropone ad ogni stagione e che scatena polemiche, proposte, promesse non molto diverse ad ogni episodio. Ma forse in questo ultimo, c’è qualcosa di diverso, visto che emergono dai protagonisti alcuni atteggiamenti significativi; e a questo punto anche a IN/Arch...

Read More

Ed ora?

Lo scopo di IN/Arch nell’idea del suo fondatore Bruno Zevi, e del gruppo che lo accompagnava “nell’avventura“ che ha avuto avvio quasi sessant’anni fa, era quello di realizzare “… una casa dove coloro che producono l’architettura si ritrovano, concordano il loro lavoro, dibattono problemi, predispongono strategie per incidere, negli orientamenti della classe dirigente, nella vita del paese, nell’opinione pubblica …”. La linea di lavoro di IN/Arch Piemonte è coerente a questo assunto. Un assunto che pensiamo sia più che mai attuale in un periodo, come quello che oggi viviamo, caratterizzato da un forte decadimento dell’attenzione per l’architettura, intesa nell’accezione ampia...

Read More

Una domanda retorica?

Considerazioni dopo il 12 giugno: SCANDAGLI #1 La difficoltà di comunicazione tra architetti e non, è questione antica, che affonda in diverse ragioni, prima fra tutte l’impermeabilità dei linguaggi; non è estraneo l’elitismo altezzoso dell’accademia, a cui si è contrapposta una visione miope e di piccolo cabotaggio da parte degli Ordini professionali; come non è estranea la caduta di credibilità degli addetti ai lavori (progettisti, imprese, amministratori, enti di tutela…..), legata ad una diffusa”disinvoltura” nei confronti della responsabilità etica propria di chi interviene sul territorio, che costituisce nel suo insieme – indipendentemente dai regimi di proprietà e di funzioni...

Read More
  • 1
  • 2

Iscrizione newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Per essere costantemente aggiornato sulle iniziative di IN/Arch Piemonte 

 

Iscrizione completata!